News

Devi vendere un immobile ricevuto in eredità? Serve la trascrizione della tacita accettazione.

Vendere un immobile ricevuto in eredità è possibile, ma ci sono alcuni passaggi da seguire. 
Il primo adempimento necessario è la dichiarazione di successione ereditaria: non si può vendere alcun bene dell’eredità prima che sia presentata la dichiarazione di successione e prima che siano state pagate le relative imposte.
Il secondo passaggio fondamentale riguarda la Trascrizione dell’Accettazione dell’Eredità: infatti non tutti sanno che il trasferimento di beni dal defunto all'erede non è automatico, poichè l'erede ha facoltà di scegliere se accettare o meno l'eredità: "l'eredità non giunge automaticamente al chiamato all'eredità, ma solo con la sua accettazione" (art. 459 del Codice Civile).
A tal proposito è necessaria la trascrizione dell'accettazione ereditaria in un registro pubblico apposito, oggi curato dall'Agenzia delle Entrate.
Nel caso più comune di accettazione tacita dell'erede, al momento della vendita dell’immobile il notaio deve registrare la trascrizione del passaggio di proprietà dell’immobile dal defunto all’erede, dovuto all’accettazione tacita, e la trascrizione del passaggio di proprietà dall’erede venditore al nuovo compratore.
L'onere a carico del venditore per tale formalità è soggetto a imposta ipotecaria (€ 200), imposta di bollo (€ 59) e tassa ipotecaria (€ 35).